0

Alarico Gattia

Alarico Gattia

Alarico Gattia (Genova, 9 dicembre 1927) esordisce professionalmente nel 1954, in qualità di illustratore per la Arnoldo Mondadori. L’incontro con il fumetto risale alla fine degli anni Sessanta, quando inizia a collaborare con il “Corriere dei Piccoli”, “Horror” e “Diabolik”. La sua carriera di fumettista prosegue con “Il Giornalino”, per il quale realizza vari adattamenti di classici della letteratura. Il debutto in casa Bonelli avviene nel 1977, con due volumi della collana Un Uomo un’Avventura: “L’Uomo del Klondike” e “L’Uomo del Sud”, di cui scrive anche i testi. Tra le sue molte collaborazioni ricordiamo la partecipazione alla “Storia d’Italia a fumetti” di Enzo Biagi e l’esperienza francese con l’editore Larousse, per il quale lavora alle serie “Histoire du Far West” e “A la découverte du monde”. Dopo alcune storie brevi apparse su “Comic Art”, siamo alla fine degli anni Ottanta, Gattia si cimenta con Tex, prima come illustratore (firma una delle tavole della raccolta “I volti di Tex”, Lo Scarabeo, 1983), quindi disegnando la sua prima avventura texiana: “Glorieta Pass”, su testi di Mauro Boselli, pubblicata nell’Almanacco del West 1998.

Visualizzazione del risultato